ANCONA 2024

È una stagione che inizia molto presto quella 2024 per quanto riguarda l’atletica paralimpica italiana.

La prima tappa resta come sempre i Campionati Italiani Indoor e Invernali Lanci di Ancona organizzati dalla Fispes, validi anche come Prima Prova di Coppa Italia Lanci.

A farsi trovare pronti anche gli atleti del GSH Sempione 82 ASD che hanno provato a migliorare i loro risultati portando a casa record oltre che medaglie. In totale 5  ori e 1 argento il tutto condito da 3 nuovi record italiani.

Sono 8 gli atleti che vestono la maglia blu Sempione, a cui si aggiungo i 4 con doppio tesseramento.

In ordine alfabetico:

  • Matteo Cavalieri atleta ipovedente della classe T12 dopo un anno di stop ritorna alle gare cambiando disciplina e cimentandosi per la prima volta sulla distanza dei 1500m indoor accompagnato dalla suona nuova guida sportiva e tecnica Marco Saba, gara che chiudono in 7’05”49;
  • Omar Diabang F57 non avendo la cittadinanza italiana non può concorrere al titolo di campione d’inverno nei lanci, ma può comunque contribuire all’accumulo di punti per la classifica di Coppa Italia. Ottiene ottime misure in tutte e tre le discipline di lancio: 8,43m nel getto del peso, 24,97m nel lancio del disco e 25,23m in quella del giavellotto;
  • Fuori classifica data la visita di classificazione svolta proprio in questa occasione gareggia anche Marco Maria Dolfin nuovo ingresso in casa Sempione 82. Atleta già conosciuto a livello internazionale per le sue ottime prestazioni come nuotatore (4° posto alle Paralimpiadi di Rio), inizia da Ancona il suo viaggio nell’atletica leggera con la corsa in carrozzina e lo fa nel migliore dei modi stabilendo dopo 11 anni il nuovo record italiano sulla distanza dei 1500m T54 con 4’34”72 (record che precedentemente apparteneva a un altro atleta GSH). Corre anche gli 800m in 2’24”21;
  • Torna a vestire solo la maglia del GSH il marchigiano Lorenzo Marcantognini T63 secondo classificato sui 60m T63, ma è la gara dei 200m quella che gli regala la soddisfazione maggiore: oltre al titolo italiano segna il nuovo primato italiano correndo in 30”41;
  • Il lanciatore Stefano Morandi F20 che attenendosi ai nuovi regolamenti IPC sulla disabilità intellettiva relazionale gareggia solo nel getto del peso si classifica al quarto posto con 6,29m;
  • Il velocista quadri amputato Davide Morana T62 chiude da campione italiano i 60m con 7”91;
  • Andrea Terraneo della categoria T35 chiude come campione italiano i 60m in 11”09. Non gareggia purtroppo nella distanza dei 200m a causa di un problema alla caviglia;
  • Nicholas Zani T33 chiude con 2 primati italiani questi campionati sui 60m e sui 400m con un ottimo tempo di 1’27”08 abbassando il precedente prima di circa 3”. Arriva purtroppo per lui una squalifica sui 200m.

Tra gli atleti con doppio tesseramento (Corpi Militari/Gsh Sempione 82) hanno gareggiato conquistando complessivamente 5 ori e 1 argento e un nuovo primato:

  • Riccardo Bagaini (GSPD) della classe T47 che stabilisce il nuovo record italiano dei 400m con 51”55 confermandosi campione italiano;
  • Doppio titolo italiano per Marco Cicchetti T44 (Fiamme Azzurre) nei 60m e nel salto in lungo;
  • Alessandro Ossola T63 (Fiamme Azzurre) si conferma campione dei 60m con tanto di record italiano di 8”10;
  • Michele Ricciardi T46 (GSPD) porta a casa il titolo di campione italiano negli 800m e vince l’argento nei 1500m.

Come sempre il ringraziamento per la buona riuscita della gara va agli accompagnatori in questa trasferta: Flavio Ranghino, Gianni Marcarini, Silvano Bagaini, Barbara Saccà e Elisabetta Saccà.

L’attività agonistica di GSH Sempione 82 ASD è sostenuta dalla Fondazione Luigi Orrigoni Tigros, Vinavil, Samlor Engineering e Andrea Laurini Private Banker.